Tag

, , , , ,

Sulla questione del deposito cauzionale, il Comune di Regalbuto torna a ribadire la propria posizione in riferimento a quanto già fatto nel corso di questi anni. Questo ulteriore chiarimento a seguito della ricezione della informativa da parte di Ato Idrico a firma del commissario Dott.ssa Angela Scaduto che ricorda agli utenti dei comuni di Aidone, Pietraperzia, Leonforte e Calascibetta la possibilità di richiedere la restituzione delle somme poiché già versate da parte di Eas – Ente Acquedotti Siciliani, precedente gestore del servizio in questi comuni, ad Acquaenna.

Il Comune di Regalbuto ha di fatto avviato da tempo la restituzione delle somme precedentemente incassate dagli utenti a seguito della introduzione del deposito cauzionale del 1986 e che, con un avviso pubblico dell’Agosto 2014, hanno fatto richiesta all’ufficio tributo per la restituzione.

Ad oggi sono stati riconsegnati ai cittadini oltre 3000 euro sulla base dei depositi cauzionali dal 1986 al 2006 per gli utenti che a seguito di richiesta hanno ricevuto il rimborso. Le tariffe in quel tempo incassate dall’ente variavano da 12 euro a 25 euro circa, tra utenze domestiche e non domestiche.

“Abbiamo scelto già nel 2014 la strada della restituzione delle somme direttamente a cittadini – dichiara il Sindaco Francesco Bivona – sulla base di quanto chiarito in merito ai depositi cauzionali su richiesta del nostro Comune e per questo la nota informativa del Commissario Straordinario dell’Ato Idrico non riguarda Regalbuto. Chi vorrà richiedere il rimborso delle somme lo può ancora fare direttamente presso i nostri uffici tributi anche con la sola verifica nei nostri tabulati.

In effetti la nota informativa del Commissario dell”Ato per i comuni di Leonforte, Aidone, Pietraperzia e Calascibetta ci da ampiamente ragione a seguito della scelta fatta a favore dei cittadini già due anni fa. Sono certo – conclude il Sindaco Bivona – che tante altre questioni che abbiamo posto nel corso di questi anni sul tavolo di discussione con Ato Idrico saranno presto risolte con la partecipazione attiva della politica ai tavoli delle decisioni, con spirito di collaborazione e senza alcun populismo.”

Della questione su apposita richiesta è stata già da tempo informata anche Asso Consumatori con nota prot. 5945 dl 13 Aprile. I cittadini di Regalbuto, che vorranno fare richiesta di deposito cauzionale versato al Comune di Regalbuto per allacci di utenza idrica dal 1986 al 2006, potranno recarsi  con la richiesta all’ufficio tributi per riceverne il rimborso.

Annunci