Tag

, , , ,

Nel weekend appena concluso, si è svolta la manifestazione “La Giornata della Salute – Memorial Vito Romano” organizzata dalla Lilt di Regalbuto. Per l’occasione il palazzo comunale si è trasformato in un ambulatorio: l’iniziativa, giunta al terzo anno, punta infatti a diffondere la cultura della prevenzione. Sabato e domenica sono state eseguite numerose visite specialistiche (senologiche, urologiche, cardiologiche, dermatologiche, ginecologiche e nutrizionistiche) e domenica pomeriggio si è tenuta una conferenza informativa . «Il cammino che ha condotto all’oggi la Lilt di Regalbuto – ha dichiarato l’Assessore Vito Stissi – è stato lungo ma da tre anni sono orgoglioso che questo gruppo di ragazzi da con costanza un piccolo contributo per una causa così importante. Certamente occorre migliorare sempre ed i volontari hanno in mente molti progetti nuovi, tra i quali magari la creazione di un ambulatorio, dove sarà possibile effettuare visite di prevenzione contro i tumori e usufruire di molti altri servizi». A tal proposito il sindaco Francesco Bivona ha aggiunto: «Sono molto felice del percorso intrapreso dalla delegazione della nostra comunità, che ha piena collaborazione da parte dell’Amministrazione Comunale. Massima disponibilità inoltre affinché sia raggiunto il traguardo dell’ambulatorio, che potrebbe rappresentare un faro utile a incrementare sul territorio provinciale la sensibilità verso il tema della prevenzione oncologica di cui ancora oggi troppo poco si parla». L’impegno della LILT nella lotta contro i tumori, difatti, si dispiega principalmente su tre fronti: la prevenzione primaria (stili e abitudini di vita), quella secondaria (promozione di una cultura della diagnosi precoce) e l’attenzione verso il malato, la sua famiglia, la riabilitazione e il reinserimento sociale. «Quindi direi – continua Stissi – che il cammino intrapreso dalla Lilt di Regalbuto sia quello giusto: ricordiamo sempre che “prevenire è vivere”. Ringrazio e faccio i miei complimenti a tutti i volontari, alla Sezione provinciale di Enna ed ai medici. Per questa manifestazione in particolare un grazie di cuore va alla famiglia Romano ed all’associazione “Mountain Bike Regalbuto”».

Annunci